Parco di Monte Urpinu

Parco di Monte Urpinu

Il Parco di Monte Urpinu costituisce una delle più importanti e più note aree verdi della città che si trova sull'omonimo colle.

Percorso interno al Parco di Monte Urpinu.
Percorso interno al Parco di Monte Urpinu.

Descrizione

Il Parco di Monte Urpinu è situato sull’omonimo colle e si estende per oltre trentadue ettari nel suo complesso (circa ventidue ettari, invece, occupati dal parco vero e proprio), delimitato dal panoramico Viale Europa e dalle vie Garavetti, Gemelli e Vidal, ove si aprono numerosi ingressi.

Originariamente occupato da una forestazione naturale, il Monte Urpinu (anticamente Monte Volpino a causa della nutrita presenza di esemplari di volpe, poi tradotto in lingua sarda) vide il primo intervento a metà circa del 1800, su volontà del barone Sanjust di Teulada, allora proprietario dell’area, con la messa a dimora di numerosi esemplari di pino d’Aleppo. 

Nel 1939, il Comune di Cagliari acquistò l’area per la ragguardevole cifra di un milione di lire, destinandola a parco urbano. 

Il parco si mostra estremamente versatile nell’offerta per l’uso da parte della cittadinanza, a partire dalla pratica sportiva, per passare a quella ricreativa e di socializzazione, per singoli individui o gruppi di amici e famiglie, grazie alla presenza di attrezzate aree sport, aree giochi, panchine e fontanelle.

Sono presenti diversi specchi d’acqua artificiali popolati da tartarughe, anatre e cigni, mentre nelle aree circostanti è possibile incontrare esemplari di oche e galline, oltre agli ormai tradizionali pavoni, simbolo per eccellenza del parco nell’immaginario cittadino.

È presente una nutrita colonia felina, servita con casette in legno per il riposo dei gatti.

È presente un’ampia area recintata dedicata ai cani, della superficie di circa due ettari.

L’allestimento verde è estremamente ricco in quantità e qualità; pini d’Aleppo, olivastri, lecci, lentischi, carrubi, alaterni, alimi, filliree, bagolari, pini delle Canarie, per citare le specie più importanti.

Menzione d’obbligo per il Viale Europa che cinge il lato sud-est del parco e che rappresenta uno dei più noti e importanti punti panoramici cittadini, dal quale è possibile ammirare il sorgere del sole sul Golfo degli Angeli e sulla Sella del Diavolo o il tramonto verso i monti di Capoterra, senza tralasciare la spettacolare vista dell’intera città, sino al quartiere di Castello e al Castello di San Michele. La terrazza del Viale Europa diviene postazione privilegiata per l’osservazione dei fenicotteri rosa durante il periodo di nidificazione nelle vasche del sottostante Parco di Molentargius.

Galleria immagini

Modalità di accesso

Numerosi accessi da Via Vidal, da Viale Europa, da Via Leo.

Dove

Orari di apertura

Gennaio 06:30-21:00
Febbraio 06:30-21:00
Marzo 06:30-21:00
Aprile 06:00-22:00
Maggio 05:30-23:00
Giugno 05:30-23:00
Luglio 05:30-23:00
Agosto 05:30-23:00
Settembre 05:30-23:00
Ottobre 06:30-22:00
Novembre 06:30-22:00
Dicembre 06:30-22:00

Gestione

Area/Ufficio comunale

Documenti

Ulteriori informazioni

  • Servizi igienici: sì, presso il bar in Via Vidal.
  • Aree giochi: sì, lato Via Leo e lato Via Vidal. Sono presenti due ulteriori aree giochi a pagamento in Via Leo e in Via Vidal.
  • Area sport: sì.
  • Area cani: è consentito il transito all’interno del Parco ai cani accompagnati da responsabili, solo se assicurati al guinzaglio e con i suddetti responsabili muniti dei necessari sistemi di raccolta delle deiezioni. I cani possono circolare liberamente, se non pericolosi, esclusivamente all’interno dell’area ad essi appositamente destinata, situata nel versante est di Viale Europa.
  • Punti di ristoro: sì, uno all’ingresso di Via Vidal e un chiosco in Via Leo.
  • Parcheggi per le auto: sì, nelle vie adiacenti agli ingressi.
  • Accesso bici: per ragioni di sicurezza è consentito l’ingresso nel parco con le biciclette solo ai minori d’età inferiore ad anni 8, accompagnati da adulti.
  • Accessi per disabili: sì.
  • Accesso veicoli: ai frequentatori del Parco non è concesso di introdursi o sostare nei suoi ingressi con i propri veicoli.

Aggiornamento

28/03/2022, 19:06