Elettrici e a bassissime emissioni presentati i nuovi bus Ctm

Nei prossimi giorni in servizio anche nel centro storico. Il sindaco Truzzu e l'assessore Mereu: “Modello di sviluppo del sistema della mobilità che tiene conto dell'impatto su ambiente e salute”.

Data:
21 dicembre 2020

Presentazione nuovi bus Ctm
Presentazione nuovi bus Ctm

Ci sono l'arancio e il bianco, i colori sociali dell'azienda di trasporto pubblico locale nell'area vasta. E poi c'è il celeste, quello della sostenibilità su cui anche “il Comune di Cagliari sta puntando per creare un nuovo modello di sviluppo del sistema della mobilità che tiene conto dell'impatto sull'ambiente e sulla salute”. Anche tramite le società partecipate, come Ctm Spa di cui è azionista di maggioranza.

Così il sindaco Paolo Truzzu questa mattina di lunedì 21 dicembre 2020 alla conferenza stampa nel piazzale del Deposito autofiloviario di viale Ciusa, durante la quale 3 nuovi veicoli 100% elettrici e 8 autobus diesel di ultima generazione con motore Euro VI, hanno fatto il loro esordio ufficiale.

Acquistati in autofinanziamento da Ctm i mezzi, andranno a rafforzare la flotta e confermano anche una volta di più che l'azienda è “all'avanguardia a livello nazionale per quanto riguarda la mobilità pulita e la mobilità elettrica”.

“Nel corso di questo anno – ha aggiunto il primo cittadino - il Comune di Cagliari ha ottenuto un finanziamento di oltre 7 milioni di euro proprio per l'acquisto di autobus elettrici. Con una convenzione sono stati destinati a Ctm, in maniera tale che l'azienda possa continuare in maniera rapida nel suo piano di investimenti e di rinnovo della flotta. Ciò significa disporre di mezzi sempre più efficienti, minori spese di manutenzione e miglior servizio per i concittadini”.

Dello stesso avviso anche l'assessore alle Politiche della Mobilità, Alessio Mereu, che ha parlato di “promesse mantenute”, sia sul piano dei collegamenti fra i diversi quartieri della città, che per l'abbattimento delle emissioni nocive. “In questi ambiti si inquadra anche il progetto che l'Amministrazione comunale sta portando avanti per realizzare il senso unico nel viale Marconi: con due corsie preferenziali per i bus avrà la capacità di decongestionare il traffico privato e ridurre i tempi di percorrenza. L'utilizzo dei mezzi pubblici per gli spostamenti nell'area vasta così "risulterà più vantaggioso rispetto all'automobile".

Lunghi 6 metri, dotati di una porta a doppia anta, pianale totalmente ribassato per una migliore abitabilità dei passeggeri, impianto di climatizzazione, pedana per accesso disabili, avvisatore acustico per ipovedenti, i 3 bus 100% elettrici sono destinati alla linea 7, che da piazza Yenne percorre i quartieri storici di Castello, Villanova e Marina. Gli altri 8 viaggeranno sulla linea 1, una delle linee con la più alta frequenza, circa 5 minuti, che da Via Flavio Gioia arriva fino all’Ospedale Brotzu, percorrendo il centro città.

“Ctm è stato precursore delle scelte energetiche alternative già dal 2016 con il rinnovo del parco filoviario elettrico e con la partecipazione al progetto europeo ZeEUs”, ha spiegato il presidente Roberto Porrà. Questa scelta è divenuta ora strategica sia per l’Unione Europea sia per il Governo nazionale che prevederà, già dall’anno prossimo, il finanziamento pubblico di autobus urbani a sola trazione alternativa. “Dal 2022, Ctm avrà il supporto di ulteriori 46 mezzi che sono attualmente in una gara pubblica e che agevoleranno questo periodo di transizione verso la mobilità elettrica. Di questi 46 mezzi attualmente in gara e che arriveranno già dal 2022: 7 autobus saranno elettrici, 23 autobus saranno diesel di ultima generazione da 12 metri, 5 mezzi saranno ibridi da 18 metri, 10 autobus da 9 metri, e 1 mezzo corto sarà diesel”. Con il presidente Porrà anche il direttore generale, Bruno Useli.

Intanto nei mesi scorsi sono entrati in servizio altri 2 nuovi mezzi da 18 metri, che sono stati importantissimi vista la loro capienza doppia rispetto ai 12 metri e visto il contingentamento dei posti a bordo. “Il futuro di CTM sarà elettrico - ha assicurato Porrà – e nei prossimi 15 anni sarà attuata la riconversione totale del parco mezzi arrivando a contare oltre 270 mezzi full electric”.

Pieno il sostegno anche da parte del consigliere Antonello Floris, delegato Mobilità Città Metropolitana di Cagliari, che dati alla mano ha ricordato come “ogni giorno si riversano nel Capoluogo di Sardegna circa 160mila veicoli privati dal centri contermini”. Diviene perciò di fondamentale importanza “potenziare il trasporto pubblico puntando su veicoli a bassa emissione”, così come sta facendo anche la CmdCa.

Ulteriori informazioni

Aggiornamento

21/12/2020, 14:17