Salta al contenuto

Domenica 11 Dicembre 2016

Cerca nel sito del Comune di Cagliari

Indice


Breadcrumbs
Corpo della pagina
Leftbar
Articolo esploso

NOTIZIE

Cagliari a misura di bambino

La povertà e l'esclusione sociale protagonisti del convegno pubblico "La città dei bambini e delle bambine: diritti, tutela, benessere".
La città dei bambini e delle bambine: diritti, tutela, benessere
La città dei bambini e delle bambine: diritti, tutela, benessere

Luca Martis

Un evento di grande rilevanza quello che si è tenuto stamattina presso la sala convegni dell'Hotel Regina Margherita e organizzato da PLUS Città di Cagliari, a cui hanno partecipato personalità di grande spessore. Il convegno, intitolato "La città dei bambini e delle bambine: diritti, tutela, benessere" ha delineato in maniera approfondita le tematiche della povertà e dell'esclusione sociale in relazione ai minori.

L'Assessore alle Politiche Sociali e Salute Luigi Minerba ha sottolineato come i bambini e gli adolescenti siano considerati una priorità da parte dell'amministrazione, spiegando che: "la necessità di riorganizzare l'assetto istituzionale partendo dai bambini e collaborando con le varie istituzioni che partecipano a queste tematiche è prioritaria". Come ha sottolineato lo stesso Minerba, a Cagliari l'8,1 % dei minori vive in condizioni di povertà, in linea con la tendenza del resto d'Italia.

"Un evento di spessore e qualità all'interno delle tematiche che stiamo affrontando verso la quale il Comune di Cagliari ha voluto investire". Si è espresso così Alessandro Cossa, Coordinatore dell'Ufficio di Piano di PLUS Città di Cagliari; ma è stato soprattutto un evento di primaria importanza. Negli anni infatti "si è assistito ad una perdita del concetto della città a misura di bambino" ha spiegato la Adriana Ciampa del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, e "bisogna lavorare affinché il minore non sia oggetto di diritto ma soggetto dei diritti", denunciando come i bambini vengano considerati meno dalle politiche di welfare rispetto ad altre categorie. La speranza di attuare nel più breve tempo possibile il Piano Infanzia delineato dalla Ciampa durante il convegno è stata messa in risalto dall'analisi statistica di Enrico Moretti dell'Istituto degli Innocenti di Firenze, che ha presentato una cornice del tema estesa a carattere nazionale. La crescita notevole della povertà, l'emergere di nuove categorie che la subiscono e la crisi che ne accentua la portata sono segnali che sottolineano la centralità del tema dell'esclusione sociale nelle politiche nazionali.

Hanno partecipato al convegno anche la Carla Manca e Daniela Pompei del Servizio Poliche Sociali del Comune di Cagliari con una relazione intitolata "Prevenire l'istituzionalizzazione dei minori: esiti di un percorso sperimentale", Annamaria Pes e Laura Tedde, del Consultorio familiare e Servizio di Neuropsichiatria della ASL di Cagliari con la relazione "Come cambiano i bisogni delle famiglie e dei minori: lo sguardo dei servizi sociosanitari locali" e l'Assistente Sociale Federica Palomba, con una relazione intitolata "La partecipazione dei minori alla co-costruzione delle politiche sociali: dalla responsabilità politica alla ricerca-azione in città".
Rightbar
  • 17 marzo 2016