Salta al contenuto

Martedì 17 Ottobre 2017

Cerca nel sito del Comune di Cagliari

Indice


Breadcrumbs
Corpo della pagina
Leftbar
Articolo esploso

NOTIZIE

Cagliari aderisce alla campagna informativa “Io non rischio”

Sabato 14 ottobre, in corso Vittorio Emanuele II, il Comune, la Regione e i volontari della Protezione Civile incontrano i cittadini per sapere cosa fare in caso di calamità naturale. Dalle 10 del mattino sino alle 19.

VID204327

Riconoscere una situazione di pericolo e sapere cosa fare in caso di alluvione, terremoto, frana o maremoto. Sabato 14 ottobre per la terza volta consecutiva, Cagliari aderisce a “Io non rischio”, la Campagna Nazionale per le buone pratiche di Protezione Civile promossa dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Il cuore dell’iniziativa di quest’anno è Corso Vittorio Emanuele. È qui che il Comune, ha spiegato l’assessora alla Protezione Civile Claudia Medda, e la Regione, insieme alle decine di volontari delle associazioni Prociv Arci di Assemini, Misericordie, Psicologi per i popoli, V.A.B. e A.R.C.U.S. di Cagliari, Maestrale di Monserrato, V.A.B. di Selargius, Pansiliqua di Siliqua e AVIS di Sinnai, incontreranno i cittadini.

Per l’esponente dell’Esecutivo cittadino "questa di sabato è un'occasione speciale. Non soltanto di informazione, ma di conoscenza e di formazione”. Dalle 10 del mattino sino alle 19, grandi e piccoli potranno scoprire come ciascuno può comportarsi per ridurre il rischio di calamità naturale.

Una decina i gazebo che verranno istallati nella passeggiata del Corso. Tra questi anche quello dell’Amministrazione comunale da cui chiunque potrà vedere il Piano di protezione Civile e il Piano di Emergenza per conoscere, grazie ad una postazione informatica, gli scenari dei rischi che sono stati individuati nel Capoluogo e quali sono le misure da adottare, come quelle di auto-protezione che sono già pubblicate sul Portale istituzionale (link più sotto). Sarà inoltre possibile registrarsi al nuovo servizio di allerta meteo via sms che partirà a breve.

Una mostra fotografica e dei filmati che saranno proiettati in una tenda pneumatica, mostreranno le immagini delle alluvioni che si sono verificate nell’area di Pirri.

Anche per Luisa Anna Marras, vicesindaca e assessora alla Mobilità Infrastrutture viarie e Reti, e per Monia Matta, consigliera comunale presidente della Commissione Innovazione tecnologica, Comunicazione e Politiche per il decoro urbano, “Io non rischio” è una “manifestazione di primaria importanza” che vede protagonisti in grande parte anche i volontari e le volontarie, formati per “accompagnare i concittadini” verso la cultura della prevenzione di Protezione Civile.

Ma la prevenzione oltre che con l’informazione, la conoscenza e la formazione si esplica anche attraverso la pulizia delle caditoie, come quella che si sta portando avanti in questi giorni a Pirri. E interventi strutturali, ha spiegato l'assessora Marras, per prevenire il rischio idrogeologico, come, per esempio, quelli per la realizzazione delle vasche di laminazione lungo il Canale Terramaini e dei nuovi collettori per far defluire più velocemente l’acqua meteorica. Rafforzata anche la struttura operativa comunale di Protezione Civile con 7 squadre di intervento, per coprire l'intero arco delle 24 ore tutti i giorni dell'anno. 

Alla conferenza stampa di Palazzo Bacaredda stamattina erano presenti anche Maria Antonietta Raimondo e Sergio Carrus, della Protezione Civile regionale, insieme a decine di rappresentanti delle associazioni di volontariato coinvolte nell’evento, che da sabato si sposterà da Cagliari, Sassari, Oristano e Carbonia, negli altri centri della Sardegna.

Sul sito ufficiale della Campagna, www.iononrischio.it, è possibile consultare i materiali informativi su cosa sapere e cosa fare prima, durante e dopo un’alluvione, una frana, un terremoto o un maremoto.
Rightbar
  • 11 ottobre 2017