Salta al contenuto

Martedì 27 Settembre 2016

Cerca nel sito del Comune di Cagliari

Indice


Breadcrumbs
Corpo della pagina
Leftbar
Articolo esploso

NOTIZIE

Violenza sulle donne: un fenomeno in costante crescita

Il Prefetto di Cagliari ha trattato il tema delicato della violenza sulle donne in una apposita conferenza
Piazza Palazzo
Piazza Palazzo


Monia Mura

La violenza sessuale e di genere è un fenomeno in continua evoluzione, si configura come un problema allarmante ed è segno di un ampio problema sociale fortemente drammatico contro il quale si deve lottare con qualsiasi mezzo possibile.

In una mattinata di confronto, approfondimento e condivisione, si è tenuta la Conferenza Provinciale Permanente con oggetto la Recrudescenza degli episodi di violenza sulle donne, presso la Prefettura di Cagliari in Piazza Palazzo. L'incontro si è posto come obiettivo principale quello di informare e sensibilizzare la collettività, ed anche il compito importante di comunicare e ribadire con fermezza la gravità dei fatti attuali ma non solo.
A presentare il tema relativo all'ordine del giorno è stata proprio il Prefetto Giuliana Perrotta, affiancata dall'Assessore Regionale di Igiene Sanità e Assistenza Sociale, Luigi Arru.
Presenti all'incontro anche il Comandante Provinciale dei Carabinieri, i rappresentanti delle AA.SS.LL., delle Segreterie Regionali di CGIL-CISL-UIL-UGL, il Presidente dell'Ordine degli Avvocati, Rita Dedola e il Presidente del centro antiviolenza “Donne al traguardo”, Silvana Migoni.

“La violenza sulle donne è un problema culturale profondo – ha esordito il Prefetto – l'idea è quella di attuare un piano di diffusione della cultura del rispetto nel quale dev'essere fondamentale l'intervento dei media.”
La verifica delle statistiche parla chiaro, dall'anno 2013 al maggio scorso l'incidenza dei delitti commessi sulle donne è risultata costante.
L'andamento provinciale e regionale è un incredibile evento soprattutto se pensiamo che durante questi anni, nella Provincia di Cagliari, si è verificato un aumento di violenze sessuali, percosse e lesioni dolose verso le donne.

“Agire sulla prevenzione puntando sulla tecnologia” ha annunciato il Prefetto. I propositi sono dunque di controllare e sorvegliare maggiormente il territorio e di incrementare la sicurezza sulle strade ma anche sugli autobus. Il ruolo delle istituzioni potrebbe essere quello di creare un sistema di protezione per le vittime di stalking e rendere immediato l'intervento delle forze dell'ordine.
A questo proposito, il Prefetto ha illustrato l'idea di un progetto altamente tecnologico ispirato all'applicazione già esistente “Stalking Buster”.
“Si tratta di un'app con la quale è possibile inviare un messaggio di emergenza con l'indicazione della propria posizione, questo verrà ricevuto dalla centrale operativa che attiverà un meccanismo di audio e video e invierà subito una pattuglia nel luogo corrispondente.” ha spiegato il prefetto.

Esistono due diverse facce della stessa medaglia, da una parte la difesa delle donne dagli atti di violenza, ma dall'altra anche la difesa degli uomini da loro stessi e da ciò che potrebbero essere in grado di fare. È proprio per questo motivo che assumono fondamentale importanza gli sportelli d'ascolto e psicologi in grado se non di risanare il problema, quantomeno di alleviarlo.
Rightbar
  • 27 giugno 2016