Salta al contenuto

Giovedì 21 Settembre 2017

Cerca nel sito del Comune di Cagliari

Indice


Breadcrumbs
Corpo della pagina

Il sindaco Zedda riceve il presidente del Parlamento europeo

Antonio Tajani in visita al Municipio di Cagliari.
Leftbar utility
  • 08 aprile 2017
Corpo

VID186611

Il sindaco di Cagliari Massimo Zedda ha ricevuto questa mattina a Palazzo Bacaredda la visita del presidente del Parlamento europeo Antonio Tajanil. Il Municipio di via Roma è la prima delle tappe sarde del tour istituzionale che il presidente Tajani sta portando avanti nelle regioni d’Italia, per “ridurre le distanze che esistono tra Bruxelles – ha spiegato – istituzioni e cittadini”.

Nel corso dell'incontro, Zedda ha ringraziato Tajani per l’attenzione riservata al Comune, scelto come punto di partenza della prima visita a Cagliari e in Sardegna del presidente del Parlamento europeo, dall'elezione che a gennaio ha visto salire, per la prima volta nella storia, un italiano al vertice dell'istituzione.

“L'augurio – ha detto il sindaco Zedda – è che con lo sforzo di tutte le istituzioni, della comunità sarda, della Regione e di quelle nazionali, l'Europa possa contribuire alla risoluzione dei problemi che affliggono l'Isola, come quelli legati alla condizione di insularità”.

L'incontro di Palazzo Bacaredda è stato anche occasione per parlare di immigrazione, della stabilità del Mediterraneo, del pericolo terrorismo, ma anche di riforme per l’Italia e di quelle necessarie all’Unione Europea per avvicinare sempre più l’Europa ai territori e ai suoi cittadini. “L'Europa va cambiata – ha scandito Tajani – bisogna incrementare i rapporti anche con le autorità locali”. E sulla “questione insularità” e “specificità” della Sardegna, ha fatto eco al sindaco sottolineando che “serve una sinergia tra la Sardegna e il resto d'Europa per valorizzare il suo patrimonio naturale, archeologico e storico per creare nuove opportunità di lavoro e di sviluppo”.

Il presidente Tajani si è poi spostato per raggiungere l'Aula magna della Facoltà degli studi umanistici dell'Ateneo cittadino.