Salta al contenuto

Sabato 10 Dicembre 2016

Cerca nel sito del Comune di Cagliari

Indice


Breadcrumbs
Corpo della pagina

Il Comune di Cagliari vince il Premio Cresco Awards città sostenibili

Assegnato nel corso dell'assemblea nazionale dell'ANCI
Leftbar utility
  • 13 ottobre 2016
Corpo
Palazzo civico
Palazzo civico

Il Comune di Cagliari ha ricevuto il primo premio del Cresco Awards Città Sostenibili nella sezione “Sostenibilità Energetica”. Il Cresco Awards si propone di valorizzare la spinta innovativa dei Comuni italiani e di premiare le iniziative più efficaci nel promuovere in modo diffuso lo sviluppo sostenibile dei territori, in collaborazione con l'Associazione Nazionale Comuni Italiani: il premio è stato assegnato infatti in occasione della 33^ Assemblea Annuale dell'Anci in corso in questi giorni a Bari. A ritirarlo il presidente del Consiglio comunale Guido Portoghese.
Cagliari è stata premiata per il lavoro svolto in questi anni per la mobilità sostenibile e in particolare per il progetto di installazione delle reti di ricarica dedicate ai veicoli elettrici, con le procedure di gara in corso, e per l'azione di sostituzione, già iniziata, dei mezzi comunali a benzina con mezzi elettrici nell'ottica di una maggiore sostenibilità ambientale, della riduzione dell'inquinamento atmosferico e di quella del rumore.
Le azioni in favore della mobilità sostenibile, già previste nel programma di mandato del 2011, sono state in questi anni al centro dell'azione di Giunta e Consiglio comunale e hanno portato Cagliari a essere tra le prime città in Italia per trasporto pubblico locale e zone a traffico limitato. Attraverso alcuni atti di indirizzo, il Consiglio Comunale ha impegnato l'Amministrazione ad agire nella direzione dell'incentivo alla mobilità elettrica con la creazione di una rete di aree di sosta dotate di colonnine di ricarica ubicate in modo funzionale all'accessibilità dei quartieri storici e dei poli maggiormente attrattivi e generatori di flussi di traffico della città. Un ulteriore passaggio è stata l'adesione al “Patto dei Sindaci” e l'approvazione del Piano di Azione per l’Energia Sostenibile, che individua le azioni che il Comune deve adottare per ridurre le proprie emissioni di CO2 del 26 per cento entro il 2020, aumentando nel contempo del 20 per cento il livello di efficienza energetica e del 20 per cento la quota di utilizzo di fonte energetiche rinnovabili all’interno del mix energetico: tra le azioni volte alla riduzione delle emissioni c'è proprio la realizzazione della rete di colonnine.
Successivamente è stato adottato il Piano della Mobilità Elettrica, a seguito del quale è stata stipulata una convenzione con la Regione Autonoma della Sardegna, Assessorato dell'Industria, che ha consentito di individuare le risorse per i l progetto. Dopo la pubblicazione del bando, è ora in corso la gara per l'installazione di 18 postazioni di ricarica per auto elettriche in modo da garantire la completa copertura del territorio comunale. Sempre nell'ambito della convenzione stipulata con la Regione, sono state fornite in comodato d'uso gratuito 3 auto ad alimentazione totalmente elettrica e 6 porter per il trasporto delle merci. Infine il Corpo della Polizia Municipale ha proceduto all'acquisto di mezzi elettrici (scooter ed auto) per un importo complessivo di circa 500.000 euro del bilancio comunale.
Al progetto partecipano, oltre al Comune di Cagliari, la Regione Sardegna, l'Università degli Studi di Cagliari, Sardegna Ricerche e la Fondazione Film Commission. Fondamentale l'apporto dei privati, che saranno individuati con procedura ad evidenza pubblica, per la fornitura degli impianti e per la loro gestione. Quello che si sta realizzando è un progetto pilota, che consentirà poi di esportare la procedura anche nell'ambito della Città Metropolitana e nel territorio dell'intera Regione, per incentivare l'acquisto di auto elettriche.
Tra gli obiettivi la riduzione del consumo di carburante, l'incentivo dell'uso di mezzi a basso consumo energetico, la riduzione delle emissioni di gas serra e delle polveri sottili, la modifica delle abitudini in termini di mobilità dei cittadini, l'incentivo della mobilità sostenibile che porta alla riduzione dei costi e alla diminuzione delle spese per il carburante sia per i privati cittadini che per l'Amministrazione.