Salta al contenuto

Martedì 17 Ottobre 2017

Cerca nel sito del Comune di Cagliari

Indice


Breadcrumbs
Corpo della pagina

Cagliari in bus e bici: dal 2 ottobre arriva Cabubi

Nuovo servizio di Bike Sharing in città. Da marzo 2018 verrà implementato con il flusso libero in modo da poter lasciare la bici al di fuori delle dieci stazioni
Leftbar utility
  • 16 settembre 2017
Corpo

VID201697


Riparte il 2 ottobre in città il servizio di Bike Sharing grazie ad una nuova collaborazione tra CTM S.p.A. e Playcar che si sono aggiudicate, con un raggruppamento temporaneo di imprese, il nuovo bando per la gestione del noleggio delle bici. “Cabubi” è il nome scelto per ribattezzare la possibilità di noleggiare le bicicletto, in un acronimo che sintetizza il voler rappresentare l'idea che Cagliari si possa girare in bus e in bici.

La presentazione dei dettagli del rinnovato servizio, si è tenuta questa mattina nella parte pedonalizzata di Via Roma, in occasione dell'avvio della Settimana Europea della Mobilità. Il Sindaco Massimo Zedda, affiancato dal suo Vice nonché Assessore ai Trasporti Luisa Anna Marras, ha salutato e ringraziato tutti i soggetti coinvolti nell'iniziativa prima di lasciare la parola al Consigliere Metropolitano con delega ai Trasporti, Fabrizio Marcello, al Direttore Generale di Banco di Sardegna S.p.A., partner dell'iniziativa, a Fabio Mereu, Direttore di PlayCar e soprattutto al Presidente di CTM S.p.A., Roberto Murru che ha spiegato gli aspetti tecnici e le varie possibilità di abbonamento al servizio.

Inizialmente si riparte con le dieci postazioni già esistenti (Via Sonnino, Piazza Repubblica, Piazza Giocanni XXIII, Marina Piccola, Piazza Matteotti, Piazza Arsenale, Via Is Mirrionis, Parco di Terramaini, Piazza Palestrina e Viale Bonaria) e sessanta biciclette che dopo una fase sperimentale verranno incrementate da altre cento. Ma soprattutto dal 2 ottobre, le modalità saranno quelle del precedente servizio e quindi, una volta noleggiata la bici (la flotta ne prevede cinquanta a pedalata classica, sei a pedalata assistita, tre tandem e una cargo) si potrà restituire in una qualunque delle 10 stazioni previste.

Dalla primavera del 2018, verrà, invece, inserito il cosiddetto flusso libero e quindi chi aderirà al servizio avrà la possibilità di riposizionare la bici non solo in una delle cento colonnine sparse in città ma anche in alcuni altri punti strategici che verranno individuati.

Le bici saranno geolocalizzate, prenotabili tramite una apposta app grazie alla piattaforma Playmoove e saranno in grado di dialogare con il loro lucchetto elettronico.

Per utilizzare da subito (dal 2 ottobre) i mezzi con il sistema del “one way” e quindi con la riconsegna nella stessa stazione di prelievo, sarà necessario registrarsi al servizio sul sito www.cabubi.it sul quale sarà poi possibile effettuare le ricariche successive dopo aver scelto l'abbonamento di maggiore interesse. Sullo stesso portale, una volta introdotto il servizio a flusso libero, sarà possibile prentotare e utilizzare le bici disponibili perché gli utenti già iscritti precedentemente all'avvio della nuova modalità, saranno automaticamente abilitati alla stessa.

CORRELATI