Salta al contenuto

Venerdì 09 Dicembre 2016

Cerca nel sito del Comune di Cagliari

Indice


Breadcrumbs
Corpo della pagina

Gestione beni smarriti e rinvenuti

Gestione beni smarriti e rinvenuti da terzi nel territorio del Comune di Cagliari
Leftbar utility
Corpo
Chiunque rinvenga un bene smarrito è tenuto, ai sensi degli articoli 927 e successivi del codice civile, a consegnarlo presso gli uffici comunali competenti per territorio.

L'Ufficio beni Rinvenuti, ubicato presso il Servizio Provveditorato, Economato, è preposto alla ricezione, catalogazione, custodia, pubblicazione, restituzione ed acquisizione  dei beni smarriti e rinvenuti da terzi nel territorio del Comune di Cagliari, nonchè a fornire all'utenza tutta l'assistenza necessaria per l'avvio e gestione delle relative pratiche sino alla restituzione del bene.

Per maggiori dettagli della disciplina si fa rinvio all’allegato Regolamento Comunale.
Documenti

Se trattasi di documenti appartenenti a residenti nel Comune di Cagliari, l’Ufficio provvederà a contattare il titolare per il ritiro, entro 90 giorni dalla comunicazione, previo pagamento del contributo per spese di custodia di cui alla Deliberazione di Giunta Comunale n. 294/2007. In caso di mancato ritiro si provvederà a trasmetterli all’Ufficio Anagrafe per i provvedimenti di competenza.

Se appartenenti a non residenti o a stranieri si provvederà a trasmetterli agli Enti di competenza. Nel caso di non residenti, all’Istituzione che ha emesso il documento (quali patente di guida/ Motorizzazione, carta d’identità/Comune di residenza) e nel caso di stranieri, alla sede del Consolato dello Stato di appartenenza presente sul territorio.

Oggetti

Se trattasi di oggetti, una volta preso in custodia il bene, l’Ufficio provvede ad emettere verbale, da consegnare, in copia, al ritrovatore, con avvertenza che, in caso di mancato ritiro da parte del proprietario entro i termini di legge, il bene diverrà di sua proprietà se ha dichiarato di volerlo acquisire (dichiarazione da indicare in verbale).

Restituzione al proprietario

Può aversi direttamente in capo al legittimo proprietario, previa identificazione del medesimo, che dovrà dimostrare di averne titolo, o attraverso delegato munito di delega sottoscritta e corredata di copia del documento di identità del delegante. Se trattasi di bene di valore è necessario esibire copia della denuncia effettuata presso l’Autorità di P.S.

Restituzione al rinvenitore

Decorsi i termini di legge senza alcuna rivendicazione del bene da parte del legittimo proprietario, 1 anno dalla data di pubblicazione del rinvenimento sull’albo pretorio online, il rinvenitore può fare richiesta di acquisire il bene entro 3 mesi da tale scadenza.

Mancata restituzione al proprietario o al rinvenditore

In caso di mancata rivendicazione del bene da parte del proprietario o di mancata richiesta di acquisizione da parte del ritrovatore, la proprietà passa in capo all’Amministrazione Comunale.

Oggetti privi di valore o di valore irrisorio

In tali ipotesi, trattandosi di beni con valore non superiore ai 10 euro, dopo una giacenza massima di 90 giorni, i beni vengono inviati alla distruzione, salva donazione a Enti o Associazioni richiedenti.

Contributo spese di custodia

Sia nel caso di restituzione di documenti che di oggetti è previsto il versamento di un contributo per le spese di custodia da farsi tramite conto corrente postale o bonifico bancario online, secondo le tariffe di cui alla Deliberazione di Giunta Comunale n. 294/2007.

Pubblicazione oggetti

La pubblicità del ritrovamento, tramite pubblicazione per non meno di 12 mesi sull’albo pretorio online e sul sito istituzionale, si ha con cadenza tendenzialmente quindicinale; se trattasi di pochi oggetti con cadenza mensile.

ALTRI ALLEGATI