Salta al contenuto

Martedì 26 Settembre 2017

Cerca nel sito del Comune di Cagliari

Indice


Breadcrumbs
Corpo della pagina
Leftbar
Articolo esploso

NOTIZIE

La città diventa palcoscenico della 1^ edizione di CagliariPaesaggio

Un mese di eventi e una settimana di confronti internazionali su paesaggio, città, cultura e natura.

VID195007

Paesaggio come valore di riferimento per la popolazione che ad esso si rapporta. È su questo assunto, già sancito nel 2000 dalla Convenzione Europea e ratificata dall'Italia, che a luglio si propone “CagliariPaesaggio”. Un mese intero di eventi, mostre, spettacoli e incontri incentrati sul tema, sulla cultura, sulla natura e sull'ambiente che coinvolgeranno l'intera città, con epicentro al Teatro Civico di Castello. E da giovedì 27 fino al 30 luglio, meeting di rilevanza internazionale.

Muovendosi dai contributi offerti da progettisti, architetti e paesaggisti italiani e stranieri, l'evento che si è presentato ufficialmente stamattina nell'Aula consiliare di Palazzo Bacaredda, sede Municipale del Capoluogo sardo, edificio monumentale in stile gotico aragonese con la facciata Liberty ambiziosamente puntata verso il mare, mira a riflettere e a proporre idee innovative per la progettazione del paesaggio, facendosi guidare dall'etica e dalla responsabilità per coniugare i processi relativi all’ambiente, quali sono i fattori climatici, geologia o idrografici, con quelli sociali che toccano per esempio gli aspetti economici, politici, artistici, culturali e demografici, e che si rispecchiano appunto nei caratteri del paesaggio.

A sottolinearlo è stato anche il sindaco Massimo Zedda che, incoraggiando il contatto fra cultura, natura, bellezza, tecnica, innovazione ed economia, ha parlato di “operazione collettiva” dei cittadini e delle istituzioni, in modo da valorizzare al meglio il paesaggio e il territorio, migliorando la qualità della vita delle persone.

Tutto pronto, dunque, per la prestigiosa manifestazione che già oggi, in occasione dell'incontro con gli organi di stampa, ha fatto convergere a Cagliari, nella via Roma, Giorgio Peghin del Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Architettura dell’Università di Cagliari, numerosi protagonisti della scena culturale cittadina, professionisti della comunicazione, architetti e paesaggisti. Ad accoglierli assieme al sindaco c'erano anche l'assessore Paolo Frau e l'assessora alle Attività produttive e Turismo Marzia Cilloccu.

“Questa è un'iniziativa di grande prospettiva che continuerà a vivere e a crescere perché può essere importante sia per la città, che per il dibattito che si sta svolgendo a livello internazionale sul tema, in cui Cagliari può assumere un ruolo di primo piano”, ha detto il titolare della Cultura e Verde della Giunta Zedda che per un anno, pancia a terra, ha lavorato alla manifestazione in collaborazione con l'Università e con la Fondazione di Sardegna.

Per Marzia Cilloccu “CagliariPaesaggio farà da attrattore turistico in chiave culturale, ambientale e mobilità sostenibile. Un completamento della visione di crescita e valorizzazione della città che l'Amministrazione comunale sta portando avanti con il coinvolgimento dei cittadini, delle istituzioni e del mondo culturale e produttivo”.

Il programma è fitto e variegato. Un intero mese di programmazione fatto di eventi, mostre, allestimenti, performance che vedranno gli esponenti del mondo culturale e dello spettacolo misurarsi con scenari naturali e urbani della città e che si svilupperanno sull'asse che connette anche l'antico Palazzo di Città, il Dipartimento di Architettura dell'Università, il Bastione Santa Croce, il Bastione di Saint Remy e il Giardino sotto le Mura.

Dal 27 al 30 luglio il Teatro Civico ospita il meeting che vedrà confrontersi alcuni tra i più noti teorici e paesaggisti italiani e stranieri: João Nunes, Michael Jakob, Barbara Aronson, Els Verbakel, Günther Vogt, Henri Bava, Christophe Girot, Franco Farinelli, Peter Latz, Pedro Campos Costa, João Gomes da Silva, Atelier F/C Arquitectura Paisagista, Baldios Arquitectos Paisagista, Studio Raumlabor e tanti altri ancora. Prevista anche la partecipazione degli studenti cagliaritani che contribuiranno a definire l'idea di “paesaggio multidisciplinare”, ha spiegato Giorgio Peghin, che farà di Cagliari osservatorio privilegiato sulle trasformazioni in questo ambito.

Accompagna “CagliariPaesaggio” la piattaforma web www.cagliaripaessaggio.com su cui saranno pubblicati e aggiornati giorno per giorno gli appuntamenti e le iniziative in programma.
Rightbar
  • 30 giugno 2017