Salta al contenuto

Venerdì 20 Ottobre 2017

Cerca nel sito del Comune di Cagliari

Indice


Breadcrumbs
Corpo della pagina
Leftbar
Articolo esploso

NOTIZIE

Lo spazio CARTEC ospita da giovedì 12 “Verso Gramsci”

I dettagli della mostra, visitabile fino al 16 novembre, dedicata ad Antonio Gramsci sono stati illustrati dall'Assessore alla Cultura Paolo Frau e dagli organizzatori in conferenza stampa

VID204243


Verrà inaugurata giovedì 12 ottobre nello spazio CARTEC all'interno dei Giardini Pubblici, la mostra “Verso Gramsci”, allestita dalla Fondazione Bartoli Felter nell'ambito del più ampio progetto “I want You For Museum's Army – Gramsci”, nato grazie ad un bando lanciato dal Comune di Cagliari e dai Musei Civici.

La mostra, che sarà visitabile gratuitamente fino al 16 novembre, si inserisce tra le celebrazioni per l'anno gramsciano e si è incentrata sui due territori dove, maggiormente, si è sviluppata la figura di Antonio Gramsci. La Sardegna, dove è nato e il Piemonte, dove è maturato il suo pensiero.

E questa mattina, al CARTEC, nel corso di una apposita conferenza stampa, sono stati svelate in anteprima le opere ei i nomi dei sei artisti, tre isolani e tre piemontesi, che con le loro opere hanno cercato di contestualizzare il pensiero di Gramsci. Si tratta di Cornelia Badelita, Marta Fontana, Antonio La Grotta, Simone Martinetto, Marcello Nocera e Nicola Testoni che con dipinti, scatti, video o allestimenti, si sono cimentati in un tentativo, riuscito, di trasmettere alcuni messaggi di Gramsci.

Presente all'incontro con la stampa, l'Assessore alla Cultura del Comune di Cagliari, Paolo Frau, accompagnato dal Dirigente del Servizio Alessandro Cossa, che hanno fatto gli onori di casa ricevendo Ercole Bartoli della Fondazione per l'Arte Bartoli Felter e le due curatrici Alessandra Menesini e Patrizia Rossello.

“Credo che questo esperimento – ha commentato Paolo Frau – sia perfettamente riuscito e piano piano abbiamo raggiunto gli obiettivi sia di coinvolgere il mondo dell'arte che di allargare il discorso ai territori che sono stati attraversati da Gramsci. E visto il successo sono certo che questa esperienza vada ripetuta, magari proponendo altri temi”.

Sulla stessa lunghezza d'onda anche il Dirigente del Servizio Cultura Alessandro Cossa. “Abbiamo preparato dei 6X3 che sono dei manifesti grandissimi che solitamente si utilizzano per vendere qualcosa. Ma noi non vogliamo vendere nulla, perché la nostra intenzione è regalare qualcosa. Cosa? Libertà, cultura e possibilità di confronto”.

La mostra sarà visitabile, tutti i giorni ad eccezione del lunedì, dalle 10 alle 18.
Rightbar
  • 10 ottobre 2017