Salta al contenuto

Sabato 10 Dicembre 2016

Cerca nel sito del Comune di Cagliari

Indice


Breadcrumbs
Corpo della pagina
Leftbar
Contenuti principali

MONUMENTI

Grotta della Vipera

Grotta della Vipera

La leggenda

Tra la fine del I e gli inizi del II secolo d.C., la città di Karales fu teatro di una struggente storia d’amore, le cui testimonianze sono conservate al civico n. 87 di viale Sant’Avendrace.

I protagonisti della vicenda furono due coniugi, la nobildonna romana Attilia Pomptilla e il suo sposo Lucio Cassio Filippo.

Le iscrizioni poetiche presenti nella parete rocciosa hanno consentito di ricostruire le vicende dei due amanti.

Esiliato in Sardegna, probabilmente a seguito del padre, durante il periodo di Nerone, Lucio Cassio Filippo contrasse la malaria.

Attilia Pomptilla si rivolse agli dei affinché prendessero la propria vita in cambio della guarigione del suo “spirante sposo”.

Non si sa per quale ragione, ma le sue preghiere furono esaudite: Filippo Cassio ebbe “vita novella” mentre Attilia si ammalò e, poco dopo, morì.

Il ringraziamento del marito per il sacrificio della propria sposa si concretizzò in un monumento funerario avente le fattezze di un tempio.

La Cripta serpentum era composta da un atrio e da due camere funerarie, che testimoniano l’uso di due distinti riti funerari: l’inumazione e l’incinerazione.

Manca, purtroppo, la pavimentazione che separava il monumento da un più modesto sepolcro interrato.

L’ipogeo ha restituito un complesso di iscrizioni, tra le quali spicca quella sovrastante il frontone, il cui testo recita: "O(pus) I(nstitutum) O(blatum) Q(ue) S(acrae) memoriae Atiliae L(ucii) f(iliae) Pomptillae benedictae.

M(aritus) s(ua) p(ecunia)" ovvero "Monumento edificato e dedicato alla sacra memoria della benedetta Attilia Pomptilla, figlia di Lucius. Il marito (fece) a proprie spese".

Nel frontone sono raffigurati i due serpenti che danno il nome al monumento, la cui interpretazione è molteplice e controversa.

All’interno dello stesso numero civico è visitabile un altro monumento funerario, il colombario di Tito Vinio Berillo.

Contatti

Sito web: www.beniculturalicagliari.it

E mail: info@beniculturalicagliari.it, orientare@orientare.it

Telefono: +39 366 2562826

Gestione: Orientare - Associazione Culturale

Servizi Associati

Apertura al pubblico con visita guidata dal lunedì alla domenica dalle 09,00 alle 17,00 (orario invernale) - dalle 10,00 alle 14,00 e dalle 15,00 alle 19,00 (orario estivo)

TARIFFE

Biglietto di ingresso intero: € 1,00

Ingresso gratuito per bambini fino ai 6 anni, portatori di handicap e accompagnatori, accompagnatori di gruppi scolaresche e per tutti i visitatori in occasione della manifestazione Cagliari Monumenti Aperti

Biglietto unico per l'accesso ai Beni Culturali: Torre dell'Elefante, Torre di S. Pancrazio, Villa di Tigellio, Cripta di Santa Restituta, Grotta della Vipera:
€ 7,00 biglietto unico valido 1 giorno
€ 8,00 biglietto unico valido 7 giorni

Biglietto unico per l'accesso per la visita dei Beni Culturali (Torre dell'Elefante, Torre di S. Pancrazio, Villa di Tigellio, Cripta di Santa Restituta, Grotta della Vipera) e  dei Musei Civici (Galleria Comunale, Antico Palazzo di Città, Museo Cardu):
€ 13,00 per il biglietto cumulativo per la visita dei Musei Civici e dei Siti culturali valido 1 settimana
€ 10,00 per il biglietto cumulativo, riservato ai residenti, per la visita dei Musei Civici e dei Siti culturali valido 2 settimane

Rightbar