Salta al contenuto

Venerdì 09 Dicembre 2016

Cerca nel sito del Comune di Cagliari

Indice


Breadcrumbs
Corpo della pagina
Leftbar
Contenuti principali

GIOCHI LECITI

I titolari delle attività per le quali il Comune è competente al rilascio della licenza, per adempiere alle previsioni di cui all'articolo 110 relative alla tabella dei giochi proibiti, possono scaricare ed esporre il documento scaricabile in fondo alla pagina, del quale la copia vidimata dall'autorità comunale è custodita presso gli uffici del Servizio Attività Produttive - Piazza De Gasperi 2 - settimo piano.

L'articolo 110 comma 1 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza prevede che in tutte le sale da biliardo o da gioco e negli altri esercizi, compresi i circoli privati, autorizzati alla pratica del gioco o all'installazione di apparecchi da gioco, è esposta in luogo visibile una tabella, predisposta ed approvata dal questore e vidimata dalle autorità competenti al rilascio della licenza, nella quale sono indicati, oltre ai giochi d'azzardo, anche quelli che lo stesso questore ritenga di vietare nel pubblico interesse, nonché le prescrizioni ed i divieti specifici che ritenga di disporre. Nelle sale da biliardo deve essere, altresì, esposto in modo visibile il costo della singola partita ovvero quello orario.

Quadro riassuntivo relativo ai giochi

  1. bar e circoli con somministrazione di sole bevande: un apparecchio di cui al comma 6 dell’articolo 110 Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza ogni 15 metri quadrati di superficie destinata alla somministrazione. Fino a 50 metri quadrati di superficie il numero dei giochi non può essere superiore a due, elevabile di una unità per ogni ulteriore 50 metri quadrati, fino ad numero massimo di quattro. In questi esercizi: deve essere presente almeno un altro gioco diverso da quelli previsti dall'articolo 110 comma 6 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza; il numero di apparecchi o congegni devono essere debitamente distanziati, a seconda della dimensione del locale; l’ingresso e la permanenza nelle aree nelle quali vi sono giochi che consentono vincite di denaro è vietato l’ingresso ai minori di anni 18. Il punto vendita è tenuto ad assicurare il rispetto del divieto anche mediante richiesta di esibizione di un documento di riconoscimento valido.
  2. ristoranti, circoli con somministrazione soli pasti o senza alcuna somministrazione e esercizi commerciali (rivendite di tabacchi ed altre attività non elencate nel presente quadro riassuntivo): un apparecchio di cui al comma 6 dell’articolo 110 Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza ogni 30 metri quadrati di superficie destinata alla somministrazione. Fino a 100 metri quadrati il numero dei giochi non può essere superiore a due elevabile di una unità ogni ulteriori 100 metri quadrati, fino ad un numero massimo di quattro. In questi esercizi: deve essere presente almeno un altro gioco diverso da quelli previsti dall'articolo 110 comma 6 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza; il numero di apparecchi o congegni devono essere debitamente distanziati, a seconda della dimensione del locale; l’ingresso e la permanenza nelle aree nelle quali vi sono giochi che consentono vincite di denaro è vietato l’ingresso ai minori di anni 18. Il punto vendita è tenuto ad assicurare il rispetto del divieto anche mediante richiesta di esibizione di un documento di riconoscimento valido
  3. alberghi ed esercizi assimilabili: un apparecchio di cui al comma 6 dell’articolo 110 Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza ogni 20 camere. Fino a 100 camere il numero non può essere superiore a quattro, elevabile di una unità ogni ulteriore 100 camere. Fino ad un numero massimo di sei.  In questi esercizi: deve essere presente almeno un altro gioco diverso da quelli previsti dall'articolo 110 comma 6 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza; i giochi devono essere posti in spazi appositamente dedicati; l’ingresso e la permanenza nelle aree nelle quali vi sono giochi che consentono vincite di denaro è vietato l’ingresso ai minori di anni 18. Il punto vendita è tenuto ad assicurare il rispetto del divieto anche mediante richiesta di esibizione di un documento di riconoscimento valido
  4. esercizi che raccolgono scommesse su incarico di concessionari di giochi, titolari di autorizzazione ai sensi dell’articolo 88 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, per quanti siano ancora in vigore: un apparecchio del comma 6 dell’articolo 110 ogni 15 metri quadrati di superficie. Fino a 50 metri quadrati di superficie del locale il numero non può essere superiore a due, elevabile di una unità per ogni ulteriore 50 metri quadrati, fino ad un massimo di quattro.  In questi esercizi: deve essere presente almeno un altro gioco diverso da quelli previsti dall'articolo 110 comma 6 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza; il numero di apparecchi o congegni devono essere debitamente distanziati, a seconda della dimensione del locale; l’ingresso e la permanenza nelle aree nelle quali vi sono giochi che consentono vincite di denaro è vietato l’ingresso ai minori di anni 18. Il punto vendita è tenuto ad assicurare il rispetto del divieto anche mediante richiesta di esibizione di un documento di riconoscimento valido.   
  5. agenzie di raccolta delle scommesse ed altri punti di vendita (agenzie ippiche e simili) aventi come attività principale la commercializzazione di giochi pubblici: un apparecchio di cui ai commi 6 o 7 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza ogni 5 metri quadrati dell’area di vendita, fino ad un massimo di ventiquattro apparecchi. Nel caso in cui l’area di vendita sia inferiore a 40 metri quadrati è comunque possibile installare fino a otto apparecchi. In questi esercizi: i giochi devono essere posti in spazi appositamente dedicati; l’ingresso e la permanenza nelle aree nelle quali vi sono giochi che consentono vincite di denaro è vietato l’ingresso ai minori di anni 18. Il punto vendita è tenuto ad assicurare il rispetto del divieto anche mediante richiesta di esibizione di un documento di riconoscimento valido
  6. sale bingo: è installabile un apparecchio di cui ai commi 6 o 7 dell’articolo 110 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza ogni 20 metri quadrati dell’area di vendita, fino ad un massimo di settantacinque apparecchi. Nel caso incui l’area di vendita sia inferiore a 600 metri quadrati è possibile comunque installare fino a trenta apparecchi.  In questi esercizi: i giochi devono essere posti in spazi appositamente dedicati; il numero di apparecchi o congegni devono essere debitamente distanziati, a seconda della dimensione del locale; l’ingresso e la permanenza nelle aree nelle quali vi sono giochi che consentono vincite di denaro è vietato l’ingresso ai minori di anni 18. Il punto vendita è tenuto ad assicurare il rispetto del divieto anche mediante richiesta di esibizione di un documento di riconoscimento valido; gli apparecchi da trattenimento sono collocati in locali separati da quelli nei quali si svolge il gioco.Nei suddetti esercizi qualora la superficie del locale sia inferiore a quella prevista per l’installazione di un gioco potrà essere installato ugualmente un solo gioco.  In caso di attività inerenti lo stesso locale si applicano i limiti numerici previsti per l’attività prevalente. Gli apparecchi di cui ai commi 6 dell’articolo 110 non possono essere installati negli esercizi che si trovino all’interno di ospedali, luoghi di cura, scuole, pertinenze di luoghi di culto. In nessun caso è consentita l’installazione degli apparecchi all’esterno dei locali o delle aree oggettodell’autorizzazione.
  7. sale pubbliche da gioco: è installabile un apparecchio di cui al comma 6 o 7 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza ogni 5 metri quadrati dell’area di vendita intendendo per tali sia esercizi adibiti esclusivamente a tale attività, sia locali facenti parte di altre attività ma allestiti specificamente per lo svolgimento del gioco lecito e dotati di apparecchi da divertimento e intrattenimento automatici, semiautomatici o elettronici, oltre ad eventuali altri apparecchi meccanici quali ad esempio, bigliardi, bigliardini, flipper o juke-box. In questi esercizi: deve essere presente almeno un altro gioco diverso da quelli previsti dall'articolo 110 comma 6 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza; il numero di apparecchi da intrattenimento installati per la raccolta di gioco comunque non può superare il doppio del numero di apparecchi da trattenimento di tipologie diverse installati presso lo stesso punto di vendita; i giochi devono essere posti in spazi appositamente dedicati; l’ingresso e la permanenza nelle aree nelle quali vi sono giochi che consentono vincite di denaro è vietato l’ingresso ai minori di anni 18. Il punto vendita è tenuto ad assicurare il rispetto del divieto anche mediante richiesta di esibizione di un documento di riconoscimento valido.
Contatti
Email: produttive@comune.cagliari.legalmail.it
Orari di apertura al pubblico:
mattina: 9.00-12.30 giovedì
pomeriggio: 15.00-17.30 lunedì
Rightbar