Salta al contenuto

Domenica 22 Gennaio 2017

Cerca nel sito del Comune di Cagliari

Indice


Breadcrumbs
Corpo della pagina
Leftbar
Articolo esploso

NOTIZIE

Oggi Cagliari festeggia i 150 anni dell'Orto Botanico: presenti anche il sindaco Zedda e l'assessore Frau

Convegni, mostre, seminari e l'apertura gratuita il 19 e 20 novembre dalle 9 alle 17.

VID163178

Cagliari festeggia i natali di un altro ultracentenario cagliaritano: l'Orto Botanico. Certo, non si tratta di una persona in carne e ossa. Ma come tanti concittadini e concittadine, da lustro alla città e contribuisce al suo benessere. E oggi, con i suoi 150 anni (l’inaugurazione avvenne esattamente il 15 novembre del 1866), le difficoltà e ben due conflitti mondiali, il giardino è più vivo e vegeto che mai, tra i più importanti d'Italia.

Il cartellone di iniziative organizzato dall'Ateneo cittadino, partito ufficialmente ieri con un incontro dei rappresentanti di tutti gli orti botanici d’Italia, è proseguito stamattina. Alle 9,30, il rettore Maria Del Zompo ha dato ufficialmente il via al convegno pubblico che, grazie alla partecipazione di numerosi esperti, ripercorrerà la storia ed esaminerà le attività e le prospettive future dell'Orto Botanico.

Non potevano mancare il sindaco Massimo Zedda e Paolo Frau, assessore alla Cultura e Verde pubblico, che hanno osservato le “enormi potenzialità” del polmone  verde cagliaritano. Già a luglio infatti, Comune e Università hanno siglato un protocollo di intesa per con l’obiettivo di valorizzarlo in maniera congiunta e condivisa, mediante una collaborazione coordinata per la sua gestione. Ma anche per renderlo più fruibile da parte di cittadini, visitatori e turisti.

Oltre a due convegni su orti botanici italiani e banche del germoplasma, la settimana sarà animata da eventi di carattere divulgativo aperti a tutto il pubblico. In particolare, sabato 19 e domenica 20 novembre il giardino sarà aperto gratuitamente con orario continuato dalle 9 alle 17.

Per il rettore Maria Del Zompo l'Orto Botanico di Cagliari “non è soltanto una realtà accademica per il suo impegno nel campo della ricerca, ma è una realtà fortemente legata al benessere e allo sviluppo della città e dei cittadini,  nel segno della condivisione e della cultura”.
ALLEGATI
Rightbar
  • 15 novembre 2016