Salta al contenuto

Sabato 01 Ottobre 2016

Cerca nel sito del Comune di Cagliari

Indice


Breadcrumbs
Corpo della pagina
Leftbar
Articolo esploso

NOTIZIE

Prevenzione incendi. Pubblicata l'Ordinanza che impone la pulizia e la manutenzione dei terreni a rischio

Dal 1 giugno fino al 31 ottobre 2016 dovranno essere monitorati e di conseguenza messi in sicurezza quando necessario.
Sfalciatura e pulizia di un prato
Sfalciatura e pulizia di un prato
Pubblicate le prescrizioni antincendio per i terreni nel Comune di Cagliari. Il sindaco Massimo Zedda ha firmato l'Ordinanza n. 29 contenente gli obblighi di manutenzione e pulizia dei terreni incolti ai fini della tutela dell'incolumità e dell'igiene pubblica.

I proprietari, i conduttori e i detentori a qualsiasi titolo di terreni appartenenti a qualunque categoria d'uso del suolo, siano essi privati o di enti pubblici, nonché i responsabili di cantieri edili e stradali, i responsabili di strutture turistiche, artigianali e commerciali, con annesse aree pertinenziali private, devono procedere agli interventi di pulizia e manutenzione entro il 1 giugno e, successivamente, ogni qualvolta necessario fino al 31 ottobre 2016.

Deve essere pertanto garantita la perfetta pulizia dei luoghi con lo sfalcio dell'erba, la potatura delle siepi, il taglio delle piante, di rami, di fieno, delle sterpaglie e della vegetazione incolta e lo sfalcio di tutta la vegetazione secca, anche in aree coltivate, presenti nelle proprietà private o pubbliche, situate nella fascia perimetrale territoriale dei 200 metri dall'abitato. Il taglio di radici e di parti aree di piante, la rimozione dello sfalcio e dei tagli nonché la manutenzione e lo spurgo, con eventuali opere di risagomatura, dei fossi, dei canali di scolo e delle cunette.

Ai contravventori, salvo che il fatto non costituisca reato e fatta salva l'applicazione delle sanzioni previste dall'articolo 10 della Legge 353/2000 e dalla specifica normativa di settore, sarà applicata una sanzione amministrativa pecuniaria da un minimo di 50 euro a un massimo di 500 euro.

In caso di inadempienza, il Comune procederà d'ufficio alla manutenzione e pulizia addebitando le spese ai soggetti inadempienti.
Rightbar
  • 31 maggio 2016